Torta mimosa

Torta mimosa (a modo mio) per festeggiare la festa della donna

8 Marzo 2022cuoredifrolla

Torta mimosa (a modo mio!) una crostata d’(ama)re


Benvenuti my family virtuale del cuore al nuovo post parlante, una manciata di minuti della mia voce, per meglio identificare la ricetta del giorno più da vicino, “cuore a cuore del post”.

Quest’oggi la nostra frollosa radio trasmette sulle onde di frollose frequenze il podcast dedicato alla festa della donna con la torta mimosa (a modo mio!).

Dopo aver ascoltato il “lato parlante del post” ti presento, tra una virgola e l’infinito, la dolcezza odierna dedicata alla festa della donna: torta mimosa, ops un quadro (anche la forma quadrata è dalla sua parte!) di frutta&fiordicuori giusta cornice di una crostata d’(ama)re.

Tantissimi auguri a tutte le donne del mondo e a tutte le mini donne che sbocciano come fiori!
L’augurio che faccio a me e a tutte le donne di essere ciò che vogliamo senza farci condizionare da chi ci vorrebbe diverse.
Vivere la vita restando sempre salde su noi stesse anche nei momenti in un cui tutto sembra sottosopra lasciando sempre un “pizzico di love” in un angolo di cuore desideroso di incantarsi dinanzi a un tramonto.

Un dolce pensato e realizzato per festeggiare e sottolineare frollosamente la festa della donna!

A tal proposito ho pensato di realizzare una torta mimosa particolare con una base frollosa, una farcia cioccolatosamente fruttata con un decoro molto femminile (come si conviene!) di fiori gialli eduli (di quelli che ti incantano prima con gli occhi e che si assaporano poi con il palato!) e ribes.

Ora provo a raccontartela: una frolla al profumo di limone che accoglie una doppia farcia: la gelatina al ribes e la mousse di cioccolato bianco.

Una golosissima coppia direi! La dolcezza della mousse di cioccolato bianco è “smorzata sapientemente” dalla nota fruttata del ribes.
Un perfetto bilanciamento di sapori e dolcezza.

La decorazione della torta mimosa? Un connubio di cuori, viole, violette, foglie di nasturzio e ribes.

Curiosi di sapere qualcosina in più su questo tipo di fiori eduli? Le viole e le violette sono fiori che hanno i petali carnosi e un gusto delicato.
Questi fiori si utilizzano spesso in pasticceria (ad esempio candite), ma sono perfetti anche con la carne, il pesce e i formaggi.
Il nasturzio (fiori e piante) è un fiore dal gusto intenso e speziato paragonabile al peperoncino e al wasabi.
Questo fiore è utilizzato, ad esempio per insaporire insalate e zuppe oppure per preparare le salse e il pesto. E, ancora per realizzare gustosi involtini con il formaggio e il carpaccio di pesce e di carne.

I fiori eduli mescolati con il ribes e i cuori creano uno stacco di colori, profumi e sapori molto spiccato.
La cornice perfetta per un goloso “quadro” esaltandone la giusta armonia e bellezza!


Sai è il mio primo dolce decorato con i fiori eduli!
È stato bellissimo realizzare, ops incorniciare questa torta mimosa (a modo mio!) con questi splendidi fiori “giallo sole” giusta palette di colori per un giorno così!

“Raccogliere” ogni fiore con delicatezza e posarlo sulla superficie del dolce seguendo una linea, come una matita che inizia a scrivere tratti su un foglio per poi ritrovarsi un disegno bellissimo.
Un immagine floreale arricchita da frollosi cuori e dai colori e sapori del ribes richiamo della gelée di ribes alla base del dolce.

Come servire questa torta mimosa? Ponendolo su un vassoio con un “outfit” che fa sempre la differenza, i tuoi sorrisi!

Ponilo sul tavolo e inizia a raccontarlo come si addice alle grandi, ops frollose presentazioni!
Bando ai dolci convenevoli, paletta seghettata alla mano porzionala e servila su un piattino di quelli belli con la forchettina che non vede l’ora di diventare la tua “dolce complice” per un assaggio di quelli che farà battere forte forte il cuore dall’emozione (frollosa!).

Porgilo con delicatezza chiedendo cosa gradiscono i tuoi ospiti come accompagno, donando loro il tuo tempo e la tua attenzione (perché è bello coccolare chi ami!).
Una condivisione “nonsolofrollosa” intervallata da quattro chiacchiere tra amici che fanno tanto tanto bene al cuore …

Ecco a te, servito su un vassoio d’argento, ops su un bouquet di fiori la torta mimosa di cuore di frolla.
Un dolce particolare, “fuori dagli schemi”, della torta mimosa classica.
La torta mimosa classica “dolce simbolo della festa della donna” è composta da due pan di spagna alternati alla crema diplomatica. Un disco di pan di spagna è posto alla base e l’altro ridotto in piccoli e ghiotti cubetti di pan di spagna oppure sbriciolato per l’inconfondibile “effetto mimosa”.

La torta mimosa (a modo mio!), nonostante il suo “appeal frolloso” saprà conquistarti, lo so!

Certo il procedimento è laborioso …
A tal proposito ti suggerisco di preparare la crostata cotta in bianco 1/2 giorni prima in modo da dedicarti esclusivamente alla doppia farcia e alla decorazione.
Ciò ti permetterà di allestire tutto con più calma evitando frollose corse last minute!

Un suggerimento per una preparazione più veloce? Acquista la purea di frutta già pronta per un approntamento più smart!
In questo caso basterà aggiungere la gelatina e il gioco è fatto, ops la gelatina di ribes è pronta!


Le mie parole ti indurranno a replicarla?
Se dovessi prepararla inserisci #frollainnamorata il mio hashtag di Instagram e te la condivido con piacere nelle storie.
Curiosi di sapere qualcosa in più #frollainnamorata? Ti lascio il link del post dedicato.

Ah, dimenticavo di rinnovarti l’invito al caffè frolloso il format che ho ideato su Instagram in diretta sul mio canale lunedì alle ore 15.00.
Dalla scorsa settimana al consueto appuntamento del caffè frolloso con l’ospite, ho affiancato il “caffè frolloso serale” la diretta del giovedì alle ore 21.00.
Per questo spazio “dedicato” ho pensato a una scaletta completamente diversa: curiosi?
Ti aspetto se puoi.
Al prossimo goloso post!

Torta mimosa

  • 240 gr. di burro freddo
  • 160 gr. di zucchero a velo
  • 2 gr. di sale
  • 1 gr. di semi di bacca di vaniglia biologica
  • 1 uovo
  • 400 gr. di farina biologica 00

Mousse di cioccolato bianco

  • 225 ml. di panna semi montata 
  • 100 gr. di latte
  • 200 ml. di cioccolato bianco

Gelatina di lamponi

  • 125 gr. di ribes
  • 40 gr. zucchero semolato
  • 4 gr. di gelatina in fogli 

Decorazione

  • fiori edibili
  • lamponi
  • ribes
  • cuoricini di frolla

Pasta Frolla

  • Miscela e setaccia le polveri con il sale e i semi di bacca di vaniglia biologica.
  • Nella planetaria con il gancio oppure manualmente amalgama il burro con la farina miscelata e setacciata.
  • Aggiungi l’uovo sbattuto.
  • Ultima con lo zucchero a velo.
  • Lavora velocemente fino a ottenere un composto liscio e omogeneo.
  • Forma i due panetti e avvolgili nella pellicola.
  • Passaggio in frigo per almeno 2 ore (preferibilmente tutta la notte).

Gelatina di lamponi

  • Reidrata la gelatina in fogli nell’acqua fredda per un peso pari a 5 volte in più della gelatina per 5 minuti.
  • Riscalda i lamponi con lo zucchero semolato a fiamma dolce per tre minuti.
  • Mixa i lamponi.
  • Asciuga la gelatina con lo scottex e uniscila in una piccola parte di succo di lamponi.
  • Aggiungi il restante succo di lamponi.

Mousse di cioccolato bianco

  • Sminuzza il cioccolato bianco.
  • A fiamma dolcissima riscalda il latte.
  • Aggiungi il cioccolato bianco sminuzzato e amalgama con una spatola al silicone.
  • Mixa la mousse di cioccolato.
  • Raffredda a 38 gradi.
  • Aggiungi con la spatola la panna semi montata in più riprese con movimenti dall’alto verso il basso.

Frolla

  • Preriscalda il forno statico a 170°.
  • Lavora nuovamente la frolla per ammorbidirla.
  • Stendila in modo da ottenere uno spessore di 4 mm.
  • Fodera con la frolla una fascia inox microforata qua drata 22×22 e adagiala su un tappetino al silicone microforato.

Cuoricini

  • Stampa 22 cuoricini.
  • Fodera una placca con carta forno e disponi i cuoricini.

Cottura

  • Per la crostata, passaggio in forno per 35 minuti circa fintanto che la frolla avrà assunto una colorazione nocciola.
  • Per i cuoricini, passaggio in forno per 10 minuti circa a 150 gradi.

Ed ora il disordine scomposto prende forma

  • Lascia raffreddare la frolla.
  • Versa la gelatina di ribes e passa la frolla nel congelatore almeno per 40 minuti finché sarà ben consolidata oppure lasciarla in frigo per almeno un’ora e mezza.
  • Versa la mousse di cioccolato bianco liquida e lascia in frigo tutta una notte.
  • Decora con i fiori edibili,il ribes e i cuoricini.

4 Commenti

  • Mary

    10 Marzo 2022 at 8:39

    Questay frolla è ricca di ingredienti che si incastrano come i tasselli di un puzzle dando vita a pennellate golose ed intriganti… complimenti Rita ❤️

    1. Rita

      10 Marzo 2022 at 11:18

      Grazie infinite Mary per le bellissime parole.Il gusto del cioccolato bianco con la gelatina al ribes si incastra alla perfezione??
      Grazie molte di essere passata sul mio blog,

  • valeria

    16 Marzo 2022 at 20:19

    Complimenti davvero.
    Non conoscevo la tua arte.

    1. Rita

      16 Marzo 2022 at 22:58

      Grazie molte così mi lusinghi ☺️
      Gentilissima di essere passata sul mio blog ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo Precedente Prossimo Articolo